Speciale Ghao con Tara Bianca in turchese

235,00 IVA inclusa

Speciale Ghao con Tara Bianca in turchese. Gioiello di meravigliosa realizzazione, prodotto interamente a mano con lavorazione di grande pregio, in argento placcato in oro 24K.

Sono numerosi gli aspetti di questo gioiello che lo rendono davvero unico: la ricchezza della decorazione esterne, i materiali pregiati utilizzati come le numerose perle di corallo e turchese (considerate dai tibetani come pietre sacre) che fanno da contorno all’essenza stessa del Ghao, rappresentata dal piccolo e prezioso basso rilievo di Tara Bianca. Un’opera davvero magistrale di grande bellezza materiale e con un significato spirituale davvero profondo, la piccola immagine di Tara Bianca è stata scolpita su un pezzo di turchese originale.

Tara Bianca è l’Incarnazione femminile del Buddha ed è una delle divinità più popolari della tradizione buddhista tibetana, soprattutto nelle regioni Himalayane in Tibet, Nepal, Ladakh, Buthan e Mongolia. Il nome TARA viene tradotto come “colei che permette agli esseri viventi di attraversare l’oceano dell’esistenza e della sofferenza”, quindi è considerata una salvatrice dalle sofferenze del samsara. Tara Bianca è anche considerata la protettrice della longevità, dei viaggi e del cammino spirituale dei devoti verso l’illuminazione.

Un gioiello unico, introvabile, ideale da regalare alle persone a noi più care o da portare sempre con sè come segno di grande protezione, bellezza e armonia.

SPEDIZIONE GRATUITA ENTRO 3/4 GIORNI LAVORATIVI

Per ogni gioiello acquistato in regalo un sacchettino in seta shantung

Non disponibile.

Descrizione

Speciale Ghao con Tara Bianca in turchese

MATERIALE: puro argento placcato in oro 24 k, corallo, turchese

DIMENSIONI: diametro  5,8 cm x altezza 6,6 cm  circa

Il Ghao è il più straordinario degli amuleti protettivi, indossato come gioiello dalle popolazioni di Tibet, Nepal, Buthan e Mongolia, è sempre stato considerato una potente difesa dalla malasorte, dalle malattie e da tutto ciò che potesse in qualsiasi modo arrecare danno alla persona, sopratutto in previsione di viaggi e spostamenti.

Formato da un contenitore d’argento o ottone e decorato spesso con pietre sacre tipo corallo e turchese, racchiude tradizionalmente al suo interno un fogliettino di carta con su scritto mantra, preghiere o frasi propiziatorie, accompagnato da piccole reliquie che possono essere oggetti benedetti da un Lama, immagini  come piccole sculture raffiguranti divinità e protettori.
Nella cultura tibetana il contenuto è sempre più importante della forma, infatti molti dei Ghao antichi presenti in musei sono stati ritrovati vuoti a testimonianza del fatto che l’essenza del contenuto veniva recuperata dal suo proprietario, tenendo per sé quella parte sacra e benedetta a loro cara, mentre magari il contenitore veniva venduto come scatolina preziosa.

E’ importante sottolineare che la forma, ovvero oggetti artigianali di grande valore materiale e artistico, rimane per la popolazione tibetana una delle più importanti espressioni di offerta, donare il meglio che si ha a disposizione dal punto di vista materiale per alimentare positivamente il contenuto sacro e segreto dell’essenza spirituale senza nessuna forma di attaccamento.

Tara Bianca è una delle Divinità maggiormente omaggiate nel Buddismo Tibetano insieme a Tara Verde. Si narra che siano nate dalle lacrime versate dal Buddha Avalokiteshvara che osservando la sofferenza degli uomini nel mondo terreno, si commosse profondamente. Le sue lacrime diedero origine ad un lago, dal quale si generó un fiore di loto da cui nacque Tara.

Tara, come tutti i bodhisattva, è capace di assumere vari aspetti con varie caratteristiche a seconda del tipo di aiuto che puó elargire a chiunque invochi il suo aiuto. È un tipo di energia sempre pronta e piena di vitalità. Tara Bianca viene ritratta con la corona a cinque foglie. La mano destra è abbassata e aperta nel varadamudra,  mentre la sinistra tiene tra le dita un fior di loto bianco in piena fioritura.
La sua caratteristica sono i sette occhi che simboleggiano la capacità della divinità di avere una visione completa sul mondo fenomenico. Il terzo occhio simboleggia la sua visione diretta dell’unità, della realtà ultima, mentre con gli altri due occhi osserva la dualità, il mondo illusorio. Gli occhi supplementari, posizionati sul palmo delle mani e sulle piante dei piedi, rappresentano l’unione   di compassione e perfetta saggezza.

Tara Bianca viene invocata dai devoti per superare gli ostacoli, incrementare lo stato di salute e propiziare una lunga e significativa  esistenza  direzionata al Dharma.

 

Speciale Ghao con Tara Bianca in turchese

Recensioni

There are no reviews yet

Aggiungi una recensione
You must be logged in to post a review Accedi
Categorie: ,